Secondo l’articolo 13-quarter del decreto legge 50 del 24 aprile 2017 è obbligatorio per gli esercenti all’emissione dello scontrino arrotondare il prezzo per difetto o per eccesso in caso di conti con centesimi di euro, e con pagamenti in contanti.

Questa misura è stata resa necessaria anche e probabilmente a partire dalla cessazione della produzione di monete da 1 e 2 centesimi, datata 01/01/2018, destinate quindi a scomparire progressivamente del tutto (essendo probabilmente diventata chiara con il tempo la loro dubbia utilità). Nonostante questo possono ovviamente continuare ad essere utilizzate queste monetine, ma andranno sempre più a perdere di importanza, viste anche queste nuove misure di arrotondamento.


Facciamo un esempio di come funziona l’arrotondamento commerciale:

  1. Nel totale di un conto viene riportato un importo comprensivo di valori centesimali
  2. Il cliente finale paga il totale in contanti (non tramite bancomat o carta di credito!)
  3. Nel caso in cui l’importo sia di:
  • 1 e 2 centesimi -> arrotondamento del conto a cifra tonda per difetto (es. 9,31€ -> 9,30€)
  • 3 e 4 centesimi -> arrotondamento del conto a 5 cent per eccesso (es. 9,33€ -> 9,35€)
  • 6 e 7 centesimi -> arrotondamento del conto a 5 cent per difetto (es. 9,37€ -> 9, 35€)
  • 8 e 9 centesimi -> arrotondamento del conto a cifra tonda per eccesso (es. 9,38€ -> 9,40€)

Attenzione: è interessante sottolineare che nel pagamento di questi conti “arrotondati” è comunque possibile utilizzare le monete da 1 e 2 cent per arrivare ai 5.

I nostri software gestionali per il retail e la ristorazione si sono prontamente adeguati a queste nuove direttive, calcolando autonomamente in fase di emissione scontrino gli importi totali per eccesso o per difetto in caso di pagamenti in contanti.

In questo modo l’esercente non dovrà più preoccuparsi di nulla, sarà il programma a gestire in automatico il ricalcolo secondo quando sopra riportato.

Questa è solo una delle funzionalità di DUE Retail®, il programma per negozi retail. Scopri tutte le altre.

Leave a Comment